Versione stampabile

Lettera di ringraziamento

dal Presidente Gaetano De Rosa
Cari colleghi, colleghe e amici,
ritengo che ormai tutti voi avrete già visto sul sito della nostra Società i risultati delle elezioni per il Presidente ed il nuovo Direttivo, che entreranno in carica il 1° gennaio del 2014.
Il consenso che ho ricevuto è stato molto ampio e sicuramente superiore alle mie aspettative.
Permettetemi di inviare un saluto al collega ed amico Luigi Ruco, che stimo da sempre e da sempre ne ho apprezzato l’impegno nella gestione delle Scuole di Specializzazione, che sono alla base della formazione dei nuovi patologi e che garantiscono la vita alla nostra Anatomia Patologica. Spero che questo risultato non mini la nostra amicizia e stima e che la Siapec possa sempre avvalersi dei suoi preziosi consigli.
Come ho avuto modo di sottolineare, il nuovo meccanismo elettorale responsabilizza in maniera molto marcata sia gli eletti che gli elettori, ai quali dire un semplice “grazie” sarebbe una comoda via d’uscita.
Dalle mie parti c’è un detto che recita: “chi ringrazia esce fuori d’obbligo”; invece, è giusto che io resti “obbligato” nei confronti di chi mi ha votato.
L’attuale direttivo, guidato da Claudio Clemente, al quale mi lega una forte amicizia e stima, ha raggiunto notevoli obiettivi fra cui, in particolare, la modifica di statuto e regolamento e favorito la scelta strategica rappresentata dalla creazione di Siapec Servizi Srl. Quest’ultima è una realtà attuale e “viva” e consentirà di supportare in modo autonomo sia offerte di FAD, sicuramente utili all’aggiornamento di tutti quanti noi, sia tutte le attività tecnico-amministrative correlate alla gestione dell’”aggiornamento”, inteso nel senso più ampio.
Ciò, spero, consentirà di concentrare maggiormente l’impegno societario sulla parte istituzionale dei contenuti scientifici e formativi, evidenziando soprattutto le attività che consentano di favorire la rappresentatività istituzionale di Siapec IAP con gli interlocutori locali, regionali e nazionali.
Potrei, a questo punto, fare un lungo elenco di promesse, così lungo da apparire inattuabile.
Preferisco, come già vi ho detto, attendere i vostri suggerimenti e le vostre critiche per poter continuare e/o avviare programmi che abbiano realistiche possibilità di essere portati a termine, con ricadute concrete sulle nostre attività.
L’”obbligo” sarà ascoltare e rispondere alle vostre richieste.
Grazie per l’ulteriore tempo che vi ho sottratto e spero di non deludervi.
Cari saluti a tutti

Gaetano De Rosa

Data pubblicazione: 2013-11-11